DIMAGRIRE con le PROTEINE e il T.I.D.

Potrei inserire le proteine in ogni pasto?
Questo mi aiuterebbe a dimagrire?

Premessa 1: tutto quanto scritto è reso estremamente semplificato e a volte può risultare “tecnicamente scorretto” ma è mirato a far capire concetti complessi potenzialmente a chiunque.

Premessa 2: tutto ciò che mangiamo si divide in 3 categorie (+ l’acqua).

PROTIDI = proteine.

GLUCIDI = zuccheri (anche i carboidrati fanno parte di questi).

LIPIDI = grassi.

Sono i MACRONUTRIENTI.

Per digerire un qualunque cibo, serve ENERGIA, calorie insomma.
Parlando di “digestione” si usa il termine T.I.D. cioè Termogenesi (produzione di calore, cioè uso di calorie) Indotta dalla Dieta.

Il T.I.D. delle PROTEINE è circa del 25%:
questo significa che il 25% delle calorie dei cibi proteici (più precisamente della loro parte proteica) viene utilizzato, cioè “bruciato” per la loro digestione stessa.

 

ESEMPIO:

200g di PETTO di POLLO (razione media realistica) hanno (mediamente, circa):
250Kcal di cui circa il 94% ricavate da PROTEINE, cioè 235Kcal su 250!

pollo

Facile capire che se mangio 200g di pollo, assumerò circa 190Kcal perchè 60 saranno usate dal mio corpo per la sua digestione!
Il T.I.D. dei CARBOIDRATI è circa del 5%:
ciò significa che (ad esempio) 100g di pasta scondita, hanno circa 340Kcal di cui circa il 70% ricavate da CARBOIDRATI, cioè 238Kcal su 340!

pasta

In questo caso, per la digestione ne vengono usate solo il 5% (essendo CARBOIDRATI), cioè circa solo 12Kcal (il 5% di 238, la parte di carboidrati), ne consegue che se mangio 100g di pasta integrale scondita assumerò circa 330Kcal, cioè QUASI TUTTE QUELLE CHE IL MIO CIBO “OFFRE”.

Per i lipidi, cioè i grassi, addirittura siamo al 2%.

 

Tecnicamente parlando, abbiamo bisogno di “tutto” (proteine, carboidrati, grassi, acqua) ed anche se praticamente è possibile sopravvivere con “molto poco” o addirittura escludendo determinati alimenti, credo che non sia la via migliore (ricordo ad esempio che alcuni nostri apparati come il sistema nervoso, di cui fa parte anche il cervello, usano come “carburante” lo zucchero), ritengo che un pasto bilanciato contenente i vari tipi di macronutrienti sia sempre preferibile, magari “sbilanciato” a seconda delle proprie necessità.

Naturalmente c’è da dire che le PROTEINE non si trovano solo nel pollo o nella carne in generale, sono presenti anche nei cibi ricchi di carboidrati (anche nella pasta), nei legumi, nei semi, ecc.
Ma come faccio ad aumentare la quota proteica dei cibi?

carbonara

Piccoli trucchi, ad esempio una pasta alla CARBONARA fatta con 70g di pasta integrale, 2-3 albumi d’uovo, 30g di bresaola al posto della pancetta e con pochissimo (o senza) formaggio, rappresenta un piatto decisamente proteico e con pochi grassi e “pochi” carboidrati ed il T.I.D. generale del piatto sarà molto molto superiore a quello di una semplice pasta al pomodoro o all’olio.

 

NOTA 3: personalmente anche per l’alimentazione SCONSIGLIO DECISAMENTE il “fai da te”, rivolgersi invece ad un SERIO e COMPETENTE professionista abilitato dalla legge (Es. medico o biologo nutrizionista) resta a mio avviso la scelta migliore.

 

Gianni Nencioni. Personal trainer, allenatore, istruttore e tecnico federale CONI, Federpesistica, Top Trainer (massimo livello tecnico) FIF, Federazione Italiana Fitness, con oltre 10 specializzazioni ed European Fitness Association. Iscritto alla Associazione Italiana Personal Trainers.

Il mio sito: www.forzatonica.it

Il mio BLOG su facebook: www.facebook.com/forzatonica

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.