COME E PERCHÈ SCEGLIERE UN TRAINER.

COME E PERCHÈ SCEGLIERE UN TRAINER.

Chi è “Il personal trainer”? Il personal trainer in fondo non è che l’allenatore personale, il trainer, cioè quello in grado di personalizzare il tutto al meglio adattandolo al soggetto in questione e alle sue peculiarità (Il cliente, che brutta parola.) in modo da garantire il miglior risultato e soprattutto di non danneggiarlo.

NOTA: mi sono dilungato, ho cercato davvero di dare un punto di vista oggettivo e non soggettivo, spero che se avrete la pazienza di leggere, questo vi aiuti a farvi un’idea. Sappiate che ci sarebbe stato molto molto di più da dire.

Iniziamo col rispondere a una domanda che sorge spontanea, posso andare in palestra, vivere felice ottenere comunque dei risultati ed essere una brava persona (Cit. Fabio Zonin!) anche con il “fai da te”, informandomi sul web e senza farmi seguire da nessuno? Certo che si! In questo modo posso ottenere grandi risultati in sicurezza qualunque sia il mio obbiettivo magari sfruttando davvero tutto il mio potenziale? Senza avere le competenze necessarie o senza farsi seguire da chi le ha è abbastanza improbabile.

In Italia è un titolo che non esiste, nel senso che non c’è un albo professionale, un ordine ecc. Naturalmente il riferimento dovrebbe essere l’università, scienze motorie per l’esattezza; poi valgono tutte le considerazioni del caso applicabili anche ad altri ambiti.

Avete necessità di riparare l’auto, se non avete un meccanico di fiducia andate dal giovane che ha appena aperto l’officina senza nessuna esperienza (Logicamente e giustamente!) che magari vi propone un ottimo prezzo perché deve farsi conoscere? Magari anche si e forse è anche bravo.

Avete bisogno di un intervento chirurgico, andate da uno che non ha mai studiato niente o al massimo si è fatto “un paio di weekend informativi sulla chirurgia” ma è una vita che sta in ospedale? Non credo. Magari cercate uno che sia “anche bravo / referenziato” dando per scontato che sia un medico laureato.

Quindi la laurea è garanzia? No, ma è un punto di partenza. Insomma il corpo umano è “argomento complesso”, non lo si può conoscere bene “per sentito dire” o per “visto fare/visto su internet”. Se uno non ha archiviato un buon volume di studio vero e di pratica, è facile che possa “allenarvi” o “farvi la scheda” ma i risultati sono affidati in parte al caso. Si è indispensabile anche la pratica altrimenti si rischia di non comprendere mai la trasposizione nella realtà di quel che si è studiato; prendiamo ancora l’esempio del chirurgo, se ha studiato tutto quel che c’è da studiare (E non è mai così perché ci sono sempre nuovi studi e nuove scoperte.) ma non ha mai operato iniziando magari con qualcosa di semplice e andando per gradi, credete che possa impegnarsi ad esempio in un intervento al cuore della massima difficoltà con successo? Io credo sia poco probabile.

Ricordate, in giro è pieno di gente che: non dimagrisce, non migliora i suoi muscoli, non aumenta le sue prestazioni, non migliora la propria estetica, ecc. Insomma andate in una palestra qualsiasi, fate una foto mentale a un tot di persone e dopo un anno fate la stessa cosa, vedrete che sono “più o meno uguali”. Certo spesso è anche colpa loro, perché credono che basti “andare in palestra”, la palestra non è Lourdes e i vari istruttori e PT non sono “la Madonna”, serve fare le cose per bene e questo vale anche per l’utente.

E quelli senza laurea? Come per quelli laureati “dipende”. Ci sono persone talmente appassionate talmente da tanto tempo che hanno studiato e si sono formate nel privato (Ci sono ottimi percorsi in alcune federazioni/organizzazioni.)(Attenzione: percorsi, il solo singolo corso serve a poco da solo.) raggiungendo considerevoli livelli di competenza e contemporaneamente praticando, cioè verificando su se stessi e sugli altri ciò che hanno studiato. D’altronde come in tutte le cose, uno che si è laureato circa 20 anni fa (la laurea in Scienze Motorie è stata instituita nel 1998. d.Lgs. n° 178 del 1998) e non si è più aggiornato non ha certamente fatto “cosa buona e giusta”, stessa cosa dicasi di un atleta, anche di buon livello, che ha iniziato ad “allenare” senza mai aver aperto un libro; l’unica cosa che può fare è riportare sugli altri ciò che ha visto fare su se stesso o su alcuni, poi bisogna vedere se i “beneficiari” saranno così fortunati da essere “tipi simili” ai modelli che il loro coach ha appreso oppure no, con conseguente arrivo o meno di risultati. Poi per carità, ci sono eccezioni ovunque!

Ma davvero il corpo umano è così complesso? Purtroppo (O fortunatamente, dipende! E’ meraviglioso!) SI! Lo dimostra il fatto che vi sono innumerevoli “scienze” che ne studiano innumerevoli aspetti! Provate ad esempio anche solo a dare uno sguardo alle innumerevoli tipologie di lauree e di specializzazioni che ci sono per i vari aspetti e alle materie di studio, fisiologia, biomeccanica, istologia, biochimica, anatomia ecc. Guardatevi ad esempio anche cercando sul “tanto bistrattato Google” (Magari stanto attenti alle fonti, che siano attendibili.) quanti muscoli ci sono nel corpo umano e quante funzioni diverse hanno. Date uno sguardo ad una cosa che si chiama “ciclo di Krebs” o fate una ricerca per “come funziona un cuore umano” o ancora per “soglia anaerobica” o anche per “dischi Z” o “tipologie di fibre muscolari” ecc. O meglio, fate una cosa semplice, cercate semplicemente “ginocchio wikipedia” e leggetevi quel che trovate, tutto quel che trovate.

Si ma un personal trainer non è mica un medico! Certo che no (Anche se qualcuno lo è.) ma deve sapere come è fatto un corpo umano, come funziona e come reagisce agli stimoli del movimento altrimenti torniamo sul buon vecchio “io faccio fare così perché ho sempre visto fare così” e questo non garantisce il risultato.

Nota: ci sono anche allenatori, insomma “trainer”, il personal trainer infondo non è che l’allenatore personale cioè quello in grado di personalizzare il tutto al meglio adattandolo al soggetto in questione e alle sue peculiarità (Il cliente, che brutta parola.) in modo da garantire il miglior risultato; insomma ci sono anche trainer che hanno una lunga esperienza, una immensa passione da un sacco di tempo e hanno maturato le competenze per portare a casa il risultato anche senza avere una laurea, solitamente se sono anche persone serie non esulano dal loro campo e si appoggiano a professionisti abilitati per nutrizione, riabilitazione, cose che hanno a che fare con patologie ecc. Difficile trovare fra questi gente che “non ha mai aperto un libro o visto uno studio ecc.”.

IMPORTANTE: avete presente quanto letto fino ad ora? Bene, è solo la punta dell’iceberg. Si perché c’è da considerare che siamo tutti diversi; fondamentalmente “costruiti con le stesse basi” ma poi con infinite diversità. Basta guardarsi intorno per verificare: c’è quello con le spalle larghe ed il culo stretto, quella con le cosce grosse e le braccia piccole, quello con le spalle più strette, il tipo alto e magro, il tipo basso e “largo”, la tipa che ha i piedi ruotati in dentro e quella che ne ha uno più ruotato dell’altro; il tipo che dopo 2 ore di palestra ha 2 braccia tante e quello che invece “non gli crescono mai”; la tipa con la bassa schiena incurvata bene ed il sedere in fuori, quella piatta. Le ginocchia le hanno tutti ma non tutte le ginocchia lavorano bene con “la stessa inclinazione laterale”, anche le spalle le hanno tutti ma non tutti riescono a muovere le braccia nello stesso modo. Ecc. Credete che lo stesso allenamento vada bene per tutti? Credo sia facile capire che non è così. La capacità di comprendere realmente chi ha davanti è parte importante delle competenze di un personal trainer.

E allora come fare a sceglierne uno? Semplice, riflettete bene su quanta importanza ha per voi il vostro corpo (E il vostro tempo, si perché dedicherete del tempo al vostro corpo.)(E i vostri soldi, perché spenderete anche quelli.), fatto? Bene, adesso pensate: devo tagliarmi i capelli da un nuovo barbiere/parrucchiere, come lo scelgo? Fatto? Bene, adesso in fine pensate: ho un problema ad una gamba, non riesco a camminare, a chi mi affido? Come scelgo? Traete le vostre conclusioni, in sincerità con voi stessi.

Ci son persone che laureandosi e/o certificandosi presso federazioni/enti/organizzazioni serie, hanno passato un sacco di tempo sui libri studiando il funzionamento del corpo umano e gli aspetti del suo allenamento, scrivendo tesi e sostenendo esami spesso anche basati sulla pratica; persone che molto spesso hanno un trascorso in palestra o nello sport. Persone che dimostrano (O hanno dimostrato.) con le loro prestazioni di essere forti se allenano la forza; di essere estetici se si dedicano a quello, di essere vincenti se si allenano per uno sport. Decidete semplicemente se questo per voi ha un valore o no. Se credete che il corpo umano ed i suoi cambiamenti siano cosa semplice e alla portata di tutti, andate allegramente dal “primo che capita”, altrimenti sapete come fare.

Ti consiglio vivamente di leggere anche la pagina “COME FUNZIONA E QUANTO COSTA UN TRAINER?” per avere una panoramica completa, clicca QUI.

Se vuoi scoprire invece chi sono io, guardati la pagina CHI SONO sul mio sito, clicca QUI.

A Empoli Fi e zone limitrofe, online ovunque tu sia, se vuoi una mano per la creazione di una scheda/programma di allenamento capace di portare risultati o un percorso completo da affrontare insieme (O parzialmente insieme.) per dimagrimento, tonificazione, gambe gonfie, pancia piatta, posturale – mal di schiena e/o problemi a ginocchio/spalla, preparazione atletica, aumento forza e/o massa muscolare a casa o in palestra; CONTATTAMI, CLICCA QUI.

Iscriviti al mio blog su facebook www.facebook.com/forzatonica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.