Caldo e composizione corporea: 10 consigli.

Si dimagrisce più facilmente con il caldo? Può essere una buona idea? Quali accorgimenti?

Iniziamo dall’ idea che non c’ è nulla di miracoloso nell’ estate semplicemente è più facile per un soggetto mangiar meno e di conseguenza adottare  un regimo ipocalorico protratto per più tempo, ma vediamo perché e quali accorgimenti dovrebbero essere utilizzati.

Con l’ aumento delle temperature il corpo è costretto a termoregolare  abbassando la propria temperatura corporea, principalmente questo viene fatto dissipando calore a livello cutaneo e diminuendo al tempo stesso l’ afflusso di sangue a livello della circolazione splancnica.

Ciò  comporta che la digestione sia più lenta e meno efficiente ritardando i tempi di svuotamento gastrico, riflettendosi in maggior sensazione di pienezza o assopimento: per tali motivi le persone tendono ad evitare cibi molto elaborati con condimenti a base di grassi animali e vegetali preferendo cibi freschi, meno elaborati e porzioni più ridotte come insalate miste e frutta fresca che hanno non solo più vitamine e sali minerali, ma spesso/mediamente meno della metà delle calorie!

Quali accorgimenti?

A livello di accorgimenti penso siano da considerare distintamente quelli di natura prettamente digestiva e di conservazione degli alimenti da quelli legati alla composizione corporea.

 

5 TIPS  per prevenire eventuali discomfort gastrointestinali

  • Evitare cibi troppo elaborati, cibi troppo ricchi di zuccheri semplici o conservate sotto sale che potrebbero richiamare per osmosi acqua a livello intestinale creando dei leggeri discomfort.
  • Consumare pasti di dimensioni più ridotte rispetto a quelli a cui si è abituati in inverno, aumentando preferibilmente la frequenza giornaliera dei pasti.
  • Dopo mangiato cercare di esporsi il meno possibile alle variazioni di temperature tra ambiente esterno ed interno (es. uffici con aria condizionata) porta ad un ristagno del muco nelle vie respiratorie aumentando le comuni sintomatologie di reflusso o pirosi per i soggetti più sensibili/esposti.
  • Evitare le acque  iposodiche e/o con residuo fisso sotto i 50-100 mg/l soprattutto nei soggetti non acclimatati come giovani,  anziani o in coloro che soffrono di  pressione bassa, in ogni caso spesse volte meglio prendere in considerazione l’integrazione.
  • Con l’arrivo del caldo diminuisce la shelf- life dei prodotti, in particolar modo quelli altamente deperibili (carne, pesce, pollame, uova, latte e  la maggior parte della frutta e verdura):  le variazioni dell’ attività dell’ acqua Aw di un alimento comportano maggior probabilità  di  essere soggetti ad alterazioni delle proprietà chimico- biologico. E’ quindi opportuno prestare maggior attenzione alla conservazione dei cibi, e valutare che la scadenza del cibo possa essere più  prossima rispetto a quella effettivamente riportata in etichetta, soprattutto se non conservata  

 

5 TIPS  per preservare la vostra composizione  corporea

  • Considerare che in caso di dieta ipocalorica associata ad allenamento è necessario  un aumento proteico anche oltre i 2 gr per kg corporeo (considerando la variabilità interindividuale)per cercare di preservare la massa magra, soprattutto per chi si allena intensamente anche in estate o ha facilita a catabolizzare (es: anziano sarcopenico).
  • Considerare che, le variazioni quantitative in negativo, perdita di peso, non sempre corrispondono ad una perdita di grasso o miglioramento qualitativo o dello stato di salute!
  • Qualora siate soggetti a facile disidratazione è preferibile monitorare le proprie variazioni di peso tra la sera prima di coricarsi e la mattina al risveglio. Possibilmente che non siano eccessive oltre gli 0.8- 1 kg soprattutto se si eseguono allenamenti intensi.
  • Non sostituire alimenti e pasti di natura proteica con sola frutta o verdura o alimenti estivi a calorie “vuote” come il gelato o la granita, la composizione bromatologica dell’ alimento è completamente diversa!
  • Qualora il vostro metabolismo basale sia elevato, o siate particolarmente affini a perdere la massa muscolare ottenuta con sacrificio durante l’ anno, cercare, per quanto possibile, di raggiungere il vostro intake calorico  giornaliero anche d’ estate o comunque non mantenete il deficit calorico protratto troppo a lungo.

Dott. Marco Terribile
www.forzatonica.it/marcoterribile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.